In evidenza

  • condividi
  • |
  • |

23 agosto 2020

Il TPL e la ripresa dell'anno scolastico

AGENS, ANAV e ASSTRA, le Associazioni del trasporto pubblico locale e del trasporto scolastico dedicato, chiedono un urgente incontro al Governo, alla Conferenza delle Regioni e all’Anci in vista del programmato avvio dell’anno scolastico 2020/2021.

“L’inizio dell’anno scolastico è ormai alle porte – rilevano i Presidenti delle Associazioni – ma ancora non è chiaro a quali condizioni organizzative le aziende del settore dovranno garantire i servizi di trasporto pubblico locale e i servizi di scuolabus". 

“E’ di tutta evidenza - precisano i Presidenti delle Associazioni - che le misure contenute nel DPCM del 7 agosto scorso e le preannunciate linee guida per i servizi di trasporto scolastico dedicato comportino la necessità di prevedere un sostanziale raddoppio dell’offerta dei servizi, condizione oggettivamente molto difficile da realizzare soprattutto in tempi così ristretti e peraltro assai impegnativa anche dal punto di vista economico".

"Con il Governo e la rappresentanza di Regioni e Comuni abbiamo avuto una sola occasione di confronto preliminare sul tema lo scorso 1° luglio – proseguono i Presidenti - nella cui circostanza le Associazioni hanno avanzato specifiche proposte in particolar modo segnalando la necessità di privilegiare sistemi di prevenzione e protezione personale, ma che poi non ha avuto ulteriore seguito".

"Siamo convinti che per garantire un ordinato svolgimento del prossimo anno scolastico, seppur in epoca covid-19, sia molto importante progettare nel migliore dei modi anche la possibilità di raggiungere in sicurezza gli istituti di istruzione e poi farvi ritorno. E per questa ragione – concludono i Presidenti – che chiediamo al Governo e alla rappresentanza di Regioni e Comuni di ascoltare anche i suggerimenti e le proposte degli operatori del trasporto collettivo di persone".